Qualche consiglio di come illuminare la tua casa

Illuminare la casa significa, come prima cosa, capire quali e quanti sono i punti luce necessari. Ogni stanza segue delle regole ben precise e particolari esigenze. Se il soffitto è alto 2.70mt e vogliamo applicare un lampadario deve scendere di almeno 60 cm nel centro stanza (zona di passaggio), mentre in un soffitto di 3mt deve scendere di circa 80 cm (centro stanza), nel caso in cui avessimo un tavolo la calata può variare da un minimo di 1mt a 1.20mt. Teniamo a precisare che l’illuminazione degli ambienti può variare a seconda del tipo di stanza, ad esempio una stanza con soffitto, pareti e pavimento di colore chiaro ci servirà luci che giocheranno anche sul riflesso delle pareti stesse mentre se ci troviamo di fronte ad un ambiente con travi e pavimento in cotto bisognerà tenere conto che la luce viene attenuata di circa un 30% dal soffitto e dal pavimento di colore scuro. Nel caso in cui gli ambienti siano più grandi di 15-20mq consigliamo più di un punto luce a soffitto di cui un lampadario e una plafoniera, da correlare eventualmente con una piantana da terra e applique a parete. Un altro compito importante è capire anche che tipo di lampadina usare:

- Lampadina ad incandescenza tradizionale, anche se sono le più economiche al momento dell’acquisto, consumano molto e durano poco.

- Lampade fluorescenti, sono consigliate per illuminazioni di ambienti interni ed esterni, nei casi in cui vi è la necessità di un uso prolungato (min. 2 ore), senza accensioni e spegnimenti frequenti, causa: riduce di un terzo la vita della lampadina (es. durata 5000 ore come dalla casa effettiva durata 1666 ore).

- Lampade alogene a risparmio energetico, si consigliano per illuminazioni decorative, dove serve un'immediata disponibilità di luce, accensioni e spegnimenti frequenti (es. lampada 28W = consumo 28W resa 40W).

- Lampade a Led, hanno un costo commerciale alto ma consente di risparmiare fino all' 80% di energia elettrica rispetto a una normale lampadina ad incandescenza. I led hanno un tempo di vita che può arrivare fino a 100.000 ore, contro le 1000 di una lampadina ad incandescenza e le 10.000 di una lampada a fluorescenza. Inoltre una lampada a led ha anche un altro vantaggio, quello di continuare a funzionare anche se un elemento si danneggia. Un'altra cosa importante è che le lampadine a led sono prive di mercurio, sostanza altamente tossica e nociva per il corpo umano; non hanno radiazioni UV che possono causare il cancro della pelle, affaticamento della vista o mal di testa.

Dove e come illuminare

Soggiorno

Il soggiorno è una stanza di accoglienza, richiede di fare punti luce a parete, a terra o da tavolo per una luce meno diffusa, più accogliente … altrimenti a seconda dell'esigenza va bene far fare il punto luce anche al soffitto per un'illuminazione più omogenea e ben distribuita, da considerare anche le diverse zone, conversazione, lettura, tv ,da illuminare con luci soffuse, lumi, piantane, in modo da dare riposo agli occhi. Eventuali quadri o particolari si possono illuminare con faretti orientabili o appliques specifici. Se avete pareti particolari si consiglia di illuminarli con faretti ad incasso, anche a led rgb (significa che cambia colore) con fascio più o meno stretto. È possibile far posizionare anche un variatore d’intensità di luce direttamente sull’interruttore della vostra parete, per una gradazione soggettiva della luminosità, compatibile con lampade alogene o ad incandescenza, altrimenti se la sosta è prolungata si può optare per un risparmio energetico o led. Nel caso in cui fosse presente un tavolo da pranzo è consigliabile luce diretta con una sospensione oppure una piantana ad arco. Si consiglia circa 10-15W a mq (per ambienti con pavimenti, soffitto e pareti di colore chiaro) e da 15-20W a mq (per ambienti con soffitto in travi e pavimenti scuri).

Cucina

La cucina è una stanza di permanenza e di esigenza di luce, quindi è indispensabile un punto luce centrale al soffitto per una distribuzione della luce in modo uniforme, perchè è fondamentale vedere bene quel che si mangia. Magari utilizzando, faretti su binario, tesate con faretti orientabili o plafoniere a neon. Se il tavolo fosse decentrato rispetto al punto luce si può optare il decentramento con il cavo del lampadario, di un saliscendi, di due o più calatine, il posizionamento a terra di una piantana ad arco oppure di un braccio da parete. E’ consigliato un risparmio energetico o led. Oltre all'illuminazione principale bisogna considerare i piani di lavoro, applicando sotto i pensili streap led, neon o faretti direzionabili. Si consiglia circa 20W a mq (per ambienti con pavimenti, soffitto e pareti di colore chiaro) e da 25W a mq (per ambienti con soffitto in travi e pavimenti scuri). Piani di lavoro circa 40W mq.

Controsoffitti

Una volta i controsoffitti venivano usati per abbassare i soffitti molto alti, dove si aveva dispersione di luce e nello stesso tempo una distribuzione non omogenea e poco funzionale. Oggi invece vengono usati sia per una maggiore concentrazione di luce, sia per arredare in forma semplice e di grande effetto; perchè la luce è un grande strumento per decorare e valorizzare l'ambiente. Proprio per questo nei controsoffitti si consiglia un illuminazione di circa 10W a mq. L'illuminazione da soffitto è sempre determinata da forma sobrie e semplici; spesso caratterizzata dalla ricerca di materiali ed elementi sempre più innovativi. Oggi all'avanguardia tecnica e di grande valore espressivo è la tecnologia "a led" che oltre ad essere la luce del futuro, avrà il compito di sostenere la percezione emozionale dell'architettura e dall'altro esaltare gli aspetti nascosti ed inespressi.

Zone di passaggio

Le zone di passaggio di solito si considerano ambienti dove ci si può permettere di sbizzarrirci con la fantasia di lampade particolari o con originali effetti di luce. A secondo della loro grandezza e struttura architettonica si possono trovare soluzioni valide, con appliques o plafoniere: se si vuole essere minimali ci si orienta sulla vasta gamma della farettistica. Sono luoghi dove la luce rimane accesa per poco tempo per cui si mira a lampade carine e di effetto; di solito ci si orienta su lampade alogene che sprigionano molta luce. Consapevoli di vivere un epocale cambiamento sul fronte delle sorgenti luminose, il futuro sarà il LED, decorativo, brillante, impreziosisce ogni ambiente. Particolare ed unico il faretto RGB con le colorazioni che spaziano fra il rosso/verde e blu, di grande effetto il fascio di luce proiettato sulle pareti.

Camere da letto

Può essere valutata un'illuminazione più diffusa con un lampadario o plafoniera centrale alla stanza o una luce più indiretta e romantica con una piantana o degli applique nella stanza oppure uno più grande sulla testata del letto. In più la collocazione delle abat-jour da comodino, ad accensione separata con altri punti luce. Si può valutare un variatore a parete che regoli l'intensità della luce. Da tenere in considerazione la zona degli armadi dove una luce ben circoscritta è fondamentale. È consigliato l'uso dell'incandescenza o alogena. Per le camerette da bambini, oltre alla luce principale (di solito con colori in attinenza alla cameretta) valutare come luce da comodino, da scrivania e vicino al letto lampade a risparmio energetico per il suo basso calore al momento del contatto o ancora meglio l'uso del led per il suo quasi impercettibile calore al momento del contatto. Consigliata circa 10/15W a mq. Zona scrivania circa 60/75W. Zona comodino circa 40W per parte.

Bagni

Per i bagni è consigliato l'applicazione di plafoniere ed applique con accensione separata con quelle dello specchio. Lo specchio deve avere una luce centrale o due a seconda della grandezza di quest'ultimo oppure collocate lateralmente, è consigliata una luce diffusa ma rivolta verso il basso per truccarsi e farsi la barba meticolosamente. Nel caso fosse presente doccia o vasca illuminare con faretti ad incasso a parete o soffitto a led con effetto cromoterapia per un bagno rilassante o faretti orientabili con IP 65 (grado di protezione della lampada resistente al getto d'acqua). È una stanza di poca permanenza, a seconda delle proprie esigenze e quindi consigliamo un'illuminazione istantanea e per un breve tempo, lampade alogene o led. Si consiglia per il bagno 15W a mq. Si consiglia per lo specchio 100/150W mq.

Giardini e Vialetti

È consigliata un'illuminazione a risparmio energetico o a led per una luce accesa e prolungata per tutta la notte. Può essere valutata anche l'applicazione di una fotocellula che né regola l'accensione o lo spegnimento al variare dell'illuminazione solare. Per l'installazione di pali da esterno è consigliata una distanza di circa 4mt l'uno dall'altro. Se fosse presente una pianta ad es. un olivo si consiglia per un effetto scenico un faretto sotto, rende l'ambiente cinematografico. Se avete un percorso mettere faretti incassati a pavimento con doppia tripla, quadrupla emissione per fare degli effetti. Per l'illuminazione del porticato si consiglia faretti da incasso a pavimento o un'idea più originale posizionare dei vasi luminosi dove collocare sopra di esso delle piante, garantita la scenografia.


Luce espressione dell'anima

Guarda al futuro, illumina il tuo mondo con Lampadari Bartalini. Le nostre luci e il nostro design sono una fusione di arte e tecnologia, un connubio perfetto tra estetica e funzionalità.